L'Inventore

PRODUCTS OF SWITZERLAND SINCE 1996

Carlo Dondo, l'inventore

F
are l’inventore non è un mestiere, ma uno status mentale, una specie di virus che si contrae fin da bambini, e che Carlo Dondo ha ben presto imparato a conoscere e sfruttare nelle mille necessità e imprevisti della vita quotidiana, trovando nella vicina Svizzera un terreno più ricettivo e proficuo della sua nativa Italia, che lasciò quand’era sedicenne.

E dalla Svizzera viene il primo riconoscimento ufficiale del suo genio inventivo: nel 1984 vince due medaglie, di bronzo al Salone Mondiale delle invenzioni di Ginevra e d’argento al Salone Mondiale delle Invenzioni di Bruxelles per Plac-Fix, il supporto calamitato ove fissare le targhe di prova, targhe che gli autoriparatori, le forze dell’ordine e i concessionari sono obbligati ad apporre alle automobili quando le devono far circolare su strada per collaudi o qualunque tipo di spostamento.

L’idea degli specchietti nasce da due esperienze traumatiche che Carlo Dondo ha vissuto in prima persona: due gravi incidenti, in sella alla sua "specialissima" costruita su misura, che non gli sarebbero occorsi se solo avesse potuto evitare di girarsi per controllare il traffico alle sue spalle. Da qui lo stimolo a trovare una soluzione adatta a tutti gli amanti della bicicletta da corsa.

Lungi dall’essere un inventore "puro", Carlo Dondo gestisce in prima persona la diffusione delle sue invenzioni, occupandosi dell’industrializzazione, della produzione e della vendita. Il supporto targhe Plac-Fix è un business molto ben consolidato alla fine dello scorso millennio, tanto che la cessione a terzi di questa attività gli procura un rientro economico considerevole, che gli permette di potenziare la linea di prodotti che più incarna la sua filosofia imprenditoriale: gli specchietti retrovisori Sprintech® Racing per biciclette da corsa e Sprintech® City per MTB e city bike. Come è stato per i supporti targhe, anche ai retrovisori non mancano riconoscimenti internazionali: vincono il secondo premio dell’Innovazione al Salone delle Innovazioni di Martigny in Svizzera nel 1996 e la medaglia d’oro al Salone Mondiale di Bruxelles nel 2012.

Oggi i retrovisori Sprintech® sono diffusi nei cinque continenti, con una predilezione nei Paesi ove la sicurezza stradale è un’esigenza irrinunciabile: Stati Uniti e Canada apprezzano da oltre venti anni la qualità di questi prodotti, che scaturisce da un progetto concettualmente semplice ma realizzato con un’attenzione ai dettagli, alla robustezza e all’ergonomia che li rendono immediatamente riconoscibili di fronte agli innumerevoli tentativi d’imitazione.

 

carlo dondo stand eicma 2005

La qualità non riguarda soltanto il prodotto finale, ma anche il processo di fabbricazione: tutti i componenti sono prodotti in Europa, quindi presso fornitori che lavorano con standard europei anche in termini di impatto ambientale e normative a tutela dei lavoratori. Queste aziende, inoltre, sono raggiungibili in meno di 4 ore di viaggio su strada con mezzi propri: questo permette di approvvigionarsi dei componenti necessari alla produzione evitando qualsiasi problema con navi, aerei o spedizionieri.

Dormire sugli allori? Nulla è più lontano dalla filosofia di Carlo Dondo. Nel 2019 nasce Sprintech® Compact: l’obiettivo è dotare le biciclette a pedalata assistita, che consentono andature "allegre" anche ai non sportivi, di retrovisori più grandi e del tutto comparabili con quelli omologati per i motocicli, ma che siano allo stesso tempo leggeri e non aggiungano ingombro laterale, così da essere adatti anche alle city bike "normali".

PHOTOGALLERYCARLO DONDO

PHOTOGALLERYEVENTI

 

 

VIDEOSPRINTECH RACING

Privacy Policy
Copyright © 2020 CD PROJECT SARL. All Rights Reserved.
C. P. 224 - 3960 Sierre, Switzerland CH
Phone: +39 338 1455199 | Fax: +41 027 4559060